Libri e lucchetti…..

Da qualche parte aveva letto che ‘le persone sono come una biblioteca aperta, e’ bello leggerle’. Spesso si era emozionato nel leggere quel tipo di racconti, emozioni intense fragili, dense, calde e sole. Molte storie, però, appartenevano a diari con lucchetti ben chiusi, oppure chiusi a metà. Alcuni di essi per quanto intensi, affascinanti e onesti, si interrompevano a meta’ presentando dei sigilli che lasciavano a bocca aperta e con molte domande. Qual è il bisogno di un lucchetto? Tengono al sicuro cosa: segreti o emozioni preziosi e pudiche? Perché il racconto si interrompe a metà? Quale evento ha devastato l’altra meta o non ne permette la fluidita? Quei saluti costanti a sconosciuti erano la stereotipia per autosostenersi in quell’interruzione necessaria ma insipportabile? ….rdn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Contenuto interessante? condivilo...!

Follow by Email
LinkedIn
Share
Instagram